14.9.2022

Sostenibilità digitale: cos'è la Digital Carbon Footprint

La sostenibilità digitale è un’opportunità e un vantaggio per la tua azienda. Ecco alcuni consigli su come migliorarla.
4
minuti
minuto
di lettura

La sostenibilità digitale è un tema che sta a cuore a un numero sempre maggiore di aziende e di privati. Migliorarla significa tradurre questa attenzione in azioni concrete.

Sapevi che anche le nostre attività digitali hanno un impatto sull’ambiente? Si chiama Digital Carbon Footprint l’impronta di carbonio che caratterizza le attività svolte sul web e, più in generale, nel mondo digitale. Se da un lato, infatti, la digitalizzazione di aziende e imprese aiuta a ridurre l’impatto sull’ambiente (si pensi anche solo alla riduzione di documenti di carta) non va dimenticato che anche le nuove tecnologie producono emissioni di CO₂.

Cosa si intende per sostenibilità digitale?

Come si può coniugare l’esigenza di rendere le attività produttive, burocratiche e personali sempre più veloci ed efficienti con il fatto che la digitalizzazione ha un impatto sulle emissioni di CO₂? Attraverso azioni concrete che riducano la Digital Carbon Footprint.

L'integrazione di attività digitali in gran parte delle aziende e delle istituzioni italiane (e non solo) risponde a una specifica esigenza: rendere più efficiente e meno inquinante la vita quotidiana di singole persone e imprese. Digitalizzare le attività vuol dire infatti ridurre l’uso della carta, minimizzare l’utilizzo dei trasporti pubblici e privati per raggiungere un ufficio o un’area produttiva, abbattere le emissioni di gas nocivi da parte di macchinari e fabbriche.

Tutto questo sembrerebbe avere un impatto positivo sulla lotta al cambiamento climatico, ma come sostiene una recente pubblicazione scientifica* «il mondo del digitale potrebbe essere responsabile di una quota maggiore di emissioni di gas serra di quanto si pensi. E queste emissioni continueranno ad aumentare in modo significativo se non si interviene». È il caso, quindi, di cominciare a calcolare la Digital Carbon Footprint e mettere in atto delle strategie per ridurla

A cosa è dovuta la Digital Carbon Footprint?

Le attività che comprendono l’uso e l’addestramento di intelligenze artificiali, la blockchain, la raccolta e l’analisi dei big data hanno dato una sterzata all’integrazione del digitale nelle attività produttive di tutto il mondo, Italia compresa. Con il loro utilizzo abbiamo permesso ad aziende e privati cittadini di rendere il proprio lavoro quotidiano più veloce, più efficiente, spesso meno inquinante. Tuttavia, anche un normale utilizzo del PC e dei propri smartphone, le mail e le applicazioni di messaggistica, lo streaming video, il cloud, comportano l'emissione di gas serra.

Allora a cosa è dovuta la Digital Carbon Footprint? Si tratta dell’impronta di carbonio prodotta da tali attività che, utilizzando grandi quantitativi di energia presso enormi data center, rilasciano CO₂ e altri gas serra in atmosfera. Sappiamo bene che calcolare la Carbon Footprint aziendale è indispensabile per rendere un’impresa più sostenibile e ciò, a questo punto, comprende anche la Digital Carbon Footprint.

Anche la raccolta e l’elaborazione di dati in cloud è responsabile dell’aumento di Digital Carbon Footprint in azienda. Secondo lo studio dell’EERE (Office of Energy Efficiency and Renewable Energy) i data center sono luoghi estremamente inquinanti. Consumano infatti da 10 a 50 volte l’energia di un ufficio commerciale delle stesse dimensioni**. Questo però non vuol dire che usare i nuovi mezzi tecnologici e sfruttare le intelligenze artificiali sia di per sé un male, anzi. Possiamo imparare delle semplici tecniche per migliorare la sostenibilità digitale di un’azienda in pochi passi. 

Come migliorare la sostenibilità digitale in azienda

Prima di tutto, è necessario calcolare la Digital Carbon Footprint perché fa parte delle emissioni provocate dalle attività aziendali. Potresti aver letto da qualche parte “measure your Carbon Footprint online” Questo perché la maggior parte degli strumenti attualmente a disposizione è in lingua inglese. Una volta compresa l’impronta di carbonio delle proprie attività digitali, si può pensare di ridurle in semplici strategie applicabili da subito:

  1. Aumentare il ciclo di vita dei dispositivi tecnologici. Basta una corretta manutenzione per allungare la vita di pc, smartphone, tablet e altri macchinari il cui smaltimento influisce sulla Digital Carbon Footprint. 
  2. Ripulire file di grandi dimensioni. La conservazione e l’elaborazione dei dati, come abbiamo visto, aumenta esponenzialmente la misura della Carbon Footprint digitale. Un’eliminazione periodica di quello che non serve più è quindi indispensabile. 
  3. Limitare gli invii di comunicazioni telematiche. Eh sì, anche il numero e il “peso” delle email inviate impatta sulla sostenibilità digitale di un’azienda. Quindi un minor numero di email, con pochi destinatari chiave e allegati compatti, sono un passo verso il miglioramento della Digital carbon Footprint.

Vuoi rendere la tua azienda a zero emissioni, anche digitali? Scopri Neutral Company.
Ti suggeriremo strategie da applicare, prodotti da integrare al tuo business e pratiche virtuose da mettere in atto sul tuo luogo di lavoro.

Contattaci per ulteriori informazioni!

*Fonte: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2666389921001884?via%3Dihub

**Fonte: https://www.energy.gov/eere/buildings/data-centers-and-servers